Lo chiamavano il “Quinto beatle”

Sir George Martin, celebre produttore dei Beatles, muore all’età di 90 anni. La notizia è stata divulgata da Ringo Starr attraverso un post su Twitter:  “Dio benedica George, che riposi in pace, con amore a Judy e alla sua famiglia, Ringo e Barbara”; dopo aver comunicato al mondo il triste annuncio, ha anche pubblicato una vecchia foto del quartetto di Liverpool in compagnia del “quinto Beatle”.

075441410-00876e21-2439-4fd4-81b3-c6894cc20a6d

Considerato un vero e proprio componente della band, o forse anche il “mentore” dei Beatles, Sir Martin curò gli arrangiamenti di brani come “Eleonor Rigby”, “Strawberry Fields Forever”, “Yesterday”, ma non solo: riuscì a modellare il talento grezzo di Paul, John, Ringo e George, istruendoli dal punto di vista musicale e consentendo loro di poter sperimentare liberamente utilizzando i grandi mezzi innovativi  del suo studio di registrazione. 

George-Martin_zps466574ab1

Inizialmente non era totalmente convinto del valore dei Beatles, anzi, la prima audizione del 1962 ebbe un esito piuttosto negativo, tant’è che li descrisse con parole non troppo lusinghiere: “sono piuttosto orribili”.  Allo stesso tempo però apprezzava il loro modo di suonare, per di più credeva che  “non si poteva fare a meno di farseli piacere”. 

Accompagnò la band lungo tutta la loro crescita artistica, dal primo album “Please please me” fino a “Let it be”continuò a sostenere i quattro beatle anche dopo la loro separazione avvenuta nel 1970. Non solo, produsse gli album di altri artisti, fra i quali gli “Ultravox”, “Dire Straits, “Aerosmith” e la versione di “Candle in the Wind” che Elton John incise dopo la morte della principessa Diana. Da non sottovalutare la sua attività di compositore, autore della musica del film di “Yellow Submarine” e di “Live and let die ” della serie di James Bond per la quale lo stesso Paul McCartney cantò la canzone del titolo.

A proposito del baronetto Paul, riporto qui il suo messaggio di commiato pubblicato oggi su tutti i social, in onore di George Martin, un grande artista ma non solo: uno fra i più brillanti produttori e visionari della storia della musica Rock.

La notizia della morte di George Martin mi ha molto rattristato. Ho moltissimi bei ricordi su questo grande uomo, che resterà con me per il resto della mia vita. È stato un vero gentleman e per me, come un secondo padre. Ha guidato la carriera dei Beatles con abilità e senso dell’umorismo, diventando amico mio e della mia famiglia. Se qualcuno si è meritato il titolo di “Quinto Beatle”, quello è George. Dal giorno in cui ha fatto firmare ai Beatles il loro primo contratto fino all’ultima volta in cui l’ho incontrato è stato sempre uno degli uomini più generosi e intelligenti che abbia avuto il piacere di conoscere.

CdGZFVtUYAA2kxo

Annunci

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: