Google si rinnova: un nuovo logo che dice tanto

Google ci ha da tempo abituato a innovazioni, dimostrandosi sempre un passo avanti rispetto alle proprie compagine informatiche e digitali e levigando sempre più il suo legame con i propri utenti, creando un “campus multimediale” di applicazioni, software e siti, tutti sotto il nome dello stesso colosso di Mountain View e, ovviamente, tutti a rigorosamente portata di click.

Il doodle di oggi, per festeggiare il nuovo logo

Martedì primo settembre 2015. E’ questa data l’ultimo, storico tassello da aggiungere alla leggendaria storia di Google, che, per l’ennesima volta, sembra esclamare al mondo “Noi stiamo sempre sul pezzo, pronti a stupirvi ed a migliorare per voi!”: Google cambia il suo logo. Niente paura, non è una drastica rivoluzione: quei caratteri in tinte gialle, rosse, blu e verdi a cui noi tutti ci siamo affezionati ricerca dopo ricerca resteranno al loro posto – cambierà solo il font della scritta. Infatti, il nuovo logo si presenta meno formale del precedente, risultando più fresco, soprattutto in chiave di visualizzazione da dispositivo mobile: l’azienda americana ha affermato di averlo voluto cambiare in modo da affermarsi per l’ennesima volta come punto fermo nel mondo dell’informatica, stavolta da mobile.

E così, quasi inaspettatamente (Google aveva comunque annunciato, i primi giorni di agosto, una rivoluzione a livello organizzativo, stilistico e burocratico, fondando inoltre una nuova “società ombrello” specializzata in apps, la Google Alphabet), la mattina del primo settembre, tuttui quei milioni di persone che avevano ripetuto la stessa azione i giorni, le settimane, gli anni prima, al momento di iniziare la loro prima ricerca giornaliera si trovano davanti a una mano digitale che cancella il passato per riformare il presente e gettare le fondamenta del futuro: un nuovo logo, che però non rompe le tradizioni dei suoi trascorsi, ma che funge da ponte tra l’impegno passato e quello che deve ancora essere concretizzato. Non a caso è proprio Google a spiegarcelo:

Non vi dice semplicemente che state utilizzando Google, ma vi mostra anche in che modo Google sta lavorando per voi. Per esempio, nuovi elementi come un microfono colorato vi aiutano a capire come interagire con Google, che stiate parlando, digitando o toccando lo schermo. Nel frattempo, diciamo anche addio alla piccola G che è stata la nostra icona fino ad ora e la sostituiamo con un simbolo in linea con il nuovo logo.

History-of-Google-Logo-Design-Evolution-CGfrog_com

In verità, non è affatto una novità il restyling della celebre scritta: il logo, nel corso degli anni, è sensibilmente cambiato, a partire dalle sue origini. Infatti, quando ancora Google non era nulla di ufficiale, il suo marchio era tutt’altra cosa rispetto ad oggi (e, per fortuna dei nostri occhi, si è lavorato molto per cambiarlo!). Così, schizzo dopo schizzo, nel 1998, l’anno zero, si approda alla prima vivace “Google”, e da lì non ci si è più mossi, se non con delle modifiche giornaliere per commemorare un particolare evento (i cosiddetti Doodle). A distanza di venti anni è cambiato tutto: la tecnologia, l’interattività, i mezzi di ricerca e di condivisione, ma non il cuore del logo, quella scritta e quei colori che ogni giorno, in tutto il mondo, appaiono davanti a miliardi di net surfers, in qualsiasi logo si trovino o per mezzo di qualsiasi dispositivo stiano utilizzando.

Quella stessa scritta che infinite volte ha risposto sempre alle nostre domande, ci ha fatto accedere ad un numero illimitato di video, ci ha permesso di inviare centinaia di mail e ci ha tenuti aggiornati con notizie da tutto il globo, quel logo memorabile ha dimostrato ancora una volta che la sua azienda non dorme sugli allori, ma è sempre pronta a innovarsi e cambiare in meglio. Tutto questo dandoci l’impressione di poter fare qualunque cosa, partendo semplicemente ogni volta dalla solita scritta: gialla, rossa, verde e blu.

Annunci

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: