2050: la guerra nell’era del silicio

L’Army Research Lab, organismo legato all’esercito statunitense, ha pubblicato un report che cerca di delineare l’evoluzione dell’arte bellica nei prossimi trentacinque anni. Il report nasce da un workshop nel quale diversi esperti, provenienti da aziende del settore e da diversi think tank specializzati sull’ambito militare, si sono posti la domanda “Come sarà la guerra nel 2050?” motivando le loro osservazioni con gli attuali trend seguiti dalla dottrina, dalla tecnologia bellica, da quella civile e da molti altri ambiti di sviluppo.

aktery-arnold_shvarcenegger_arnold_schwarzenegger-kino-lyudi-muzhchiny-terminator_terminator-15753

The Terminator, del 1984 diretto da James Cameron. Interpretato da Arnold Schwarzenegger e seguito da ben tre sequel.

Se ve lo state chiedendo, Terminator sarà realtà: forse non sarà antropomorfo, ma sarà in grado di adattarsi al terreno e alla situazione, anche elaborando comportamenti collettivi sul momento insieme alle altre macchine. In buona sostanza saranno macchine in grado di battere il test di Turing e, pertanto, dotate di Intelligenza Artificiale. L’impiego massiccio di macchine cambierà radicalmente il concetto di Comando & Controllo (C2) del campo di battaglia, con sensori disposti ovunque volti ad aumentare la comprensione dell’ambiente e dell’avversario in modo da elaborare risposte immediate: l’esercito non si muoverà più come comandato da uno stato maggiore ma più come uno sciame, agendo sulla base di comportamenti individuali più difficili da individuare.

Potrebbe essere la fine della catena di comando così come è intesa dalle dottrine odierne. Un tale spiegamento meccanico richiede notevoli fonti di energia: ecco prendere corpo l’ipotesi delle sanguisughe elettroniche in grado di prelevare l’energia da una determinata fonte (ad esempio la batteria di un’auto abbandonata) e trasferirla alle macchine impegnate in combattimento.

I campi di battaglia del 2050 non saranno esclusivo dominio delle macchine: gli umani, ormai resi guerrieri obsoleti da macchine più veloci, più precise, non soggette alla fatica e allo stress, avranno bisogno di un “aiutino” meccanico che potrebbe prendere due forme diverse. Avremo War Machine contro il Soldato d’Inverno: un esoscheletro con scopi protettivi e strumenti di analisi rapida contro una serie di impianti permanenti che permetteranno agli umani di tenere il passo con le macchine.

175Un così vasto affidamento all’elettronica presenta una serie di talloni d’achille, in primo luogo gli EMP (Electromagnetic Pulse): un solo impulso può rendere inservibile qualsiasi strumento elettronico presente nelle vicinanze incluse macchine, sensori, esoscheletri e protesi. Una contromisura adatta è costituita da schermature apposite che bloccano l’impulso e ne neutralizzano in toto gli effetti nocivi sui circuiti. Un secondo tipo di minaccia è costituito dal cyberwarfare: un team di hacker potrebbe dirottare le macchine contro i loro stessi padroni lasciandoli senza difese: in questo caso la miglior contromisura si trova in team di esperti in grado di costruire sistemi inattaccabili dal punto di vista informatico. Russia, Cina e Stati Uniti si stanno dotando di gruppi di cyberwarfare in continua competizione tra loro: gli hacker di Mosca hanno lanciato un attacco DDoS (denial of service) al sito del governo ucraino (in buona sostanza, l’hanno intasato) che è stato riattivato solo dopo 72 ore.

Concludendo, gli eserciti combatteranno come tali ma si muoveranno in modo sempre più liquido, secondo schemi propri delle insurrezioni. Tali innovazioni porteranno una rapidità ora impensabile nelle comunicazioni sul campo di battaglia: le decisioni da mettere in pratica per conseguire il Comando & Controllo avverranno sulla base di una mole enorme di dati. La velocità di reazione e l’informazione diventeranno ancor più cruciali di quanto non lo siano già oggi.

Annunci

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: