Pom**ni su Salvini

Già la Nappi gli aveva dedicato una gang bang multietnica, a cui lui non aveva risposto. Ma “SALWEENIE”, l’ultima opera di Mister Napalm, lo ha lasciato, è proprio il caso di dirlo: a bocca aperta e non è proprio riuscito a mandarla giù.

NappiL’artista lo ritrae infatti con la tipica maglietta verdognola, mentre con occhi sbarrati riceve spremuta zigana appena fatta. “Come quello della Lola” mi viene da dire. Ma Salvini, evidentemente, preferisce solo prodotti Padani DOC, perchè – secondo le parole dell’autore stesso – ha fatto censurare e rimuovere l’immagine, nonostante gli sfottò su di lui nel social network non si risparmino.

Ma tale vicenda mi riporta la mente al tragico episodio, avvenuto il 7 gennaio 2015, contro la sede del giornale satirico Charlie Hebdo: in quel caso l’Isis ha voluto chiudere per sempre la bocca ad un artista che aveva ironizzato, con delle vignette, su Maometto.

Certamente, nel caso di Salvini e Mister Napalm, non ci sono stati morti, ma in realtà di feriti ne abbiamo, ossia, ancora una volta, è stata ferita la libertà di espressione dell’individuo. Ricordiamo che secondo l‘Articolo 19 della Costituzione

Ognuno ha diritto di esprimere e diffondere liberamente le sue opinioni con parole, scritti e immagini, e di informarsi senza impedimento da fonti accessibili a tutti. Sono garantite la libertà di stampa e d’informazione mediante la radio e il cinematografo. Non si può stabilire alcuna censura.”

Anche se è doveroso ricordare che in Italia il diritto di satira non è contemplato nell’ordinamento, che invece prevede e tutela il diritto di cronaca e di critica. La giurisprudenza italiana, invece, ha riconosciuto tale diritto, pur non garantito dalla Carta Costituzionale e da nessuna Legge, assimilandolo all’ilarità.

salvini-11Ma io mi chiedo: perchè far eliminare l’immagine dal web? Una questione di cattivo gusto? Beh, mi pare che siamo bombardati costantemente da “immondizia” ben peggiore. Reato di diffamazione? La risposta è ancora una volta negativa: è ben chiaro che quella che viene presentata da Mister Napalm è la libera interpretazione della realtà, attraverso delle allegorie, e l’opera non è certamente presentata come una “copia dal vero”.

Sostanzialmente, nessuno potrebbe mai pensare che realmente Salvini si sia intrattenuto con degli altri signori per sollazzarsi con del sano bukkake. Però Salvini l’ha presa sul serio, e questo è il dato peggiore. Salvini non ha saputo lasciar perdere, farsi quattro risate, ma ci ha confermato che lui le cose che dice le pensa davvero: vorrebbe realmente eliminare le minoranze, e ha sentito anche il bisogno di ribadire la sua eterosessualità. Non si sa mai che la sua autorità da maschio alfa venisse minata.

Io di fronte a una reazione del genere sono giunta ad una riflessione: per poter comprendere il sarcasmo e l’ironia bisogna essere intelligenti, e non ottusi fondamentalisti ignoranti. Non saper ridere è un segno di immensa limitatezza che non può certo accostarsi ad una figura politica che prende decisioni importanti per il proprio Paese.

Qua visibile l’opera d’arte incriminata e bandita, senza censura.

Annunci
1 commento

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: