Che cosa sono e (soprattutto) che cosa non sono i Black Bloc

Venerdì 1° maggio, gionata dell’inaugurazione Expo 2015. E giornata di manifestazioni NoExpo a Milano.

Sono da poco terminati i tafferugli ad opera dei Black Bloc nel capoluogo lombardo e mi sintonizzo su La7, “Otto e mezzo”. C’è Severgnini, che rivela di aver appena lanciato la campagna di hashtag #idiotineri. Per ogni suo intervento non tarda a ripeterlo. “Questi idioti neri…”, “come potete guardare sull’hashtag #idiotineri…”.

Oh, guarda, mi serviva proprio il giudizio imparziale di Severgnini, un cinquantenne che conosce bene le dinamiche e le origini del Blocco Nero. Il classico interista di mezza età frustrato, che sfoga i suoi nervi sulla cosa più facile che può venirgli a tiro. Black Bloc fra i NoExpo, Black Bloc cattivi, NoExpo cattivi. E già che ci siamo facciamo una campagna di hashtag, così magari tiriamo su anche un po’ di visibilità.

Vado su Twitter e cerco il famigerato #idiotineri. “In tanti avevamo dubbi su @Expo2015Milano. Gli #idiotineri ce li hanno tolti. Sarà una festa, alla faccia loro.” scrive Severgnini. Della serie “questa è per gli haters”. Boh. “#idiotineri ha ragione @beppesevergnini va estesa la possibilità dell’arresto in flagranza differita alle manifestazioni socio politiche.” Scrive Gianni. Per l’olio di ricino ci pensi tu? “Stranamente, devastazioni e saccheggi sono finiti esattamente all’ora dello spritz. #noexpo #idiotineri” Scrive Francesco, che sicuramente conosce tutti i Black Bloc e sa che sono tutti figli di papà. “Il manifestare a volto coperto dovrebbe essere un reato…se non nascondi nulla, la maschera non serve. #idiotineri #noexpo”. Scrive Filippo. Boom. Nient’altro da dire.

Allora, la maggior parte di questi bravi figuri, Severgnini in primis, probabilmente non è mai uscita dalla bambagia da cui è avvolta fin dalla nascita. È facile commentare davanti al caminetto, mentre quei cattivoni manifestano e si scannano in diretta su Canale5. I benpensanti, perchè è questo che sono Severgnini, Gianni, Francesco e tutti gli altri, visto che oggi non giocava l’Inter, si apprestano a sentenziare, e giù di inneggi alla reazione politica, strane proposte legislative (“se non nascondi nulla, la maschera non serve”? Era stato Stalin l’ultimo a dire una cosa del genere o sbaglio?) e battutine sugli spritz. Senza sapere nulla. “Quelli che benspensano” non sanno cos’è il Blocco Nero. In un centro sociale ci saranno stati un paio di volte una trentina d’anni fa, ma solo per rimorchiare. E fanno di tutta l’erba un fascio. Quattordici anni fa per una cosa così l’Italia l’ha pagata cara. Citofonare Strasburgo.

Allora, il Blocco Nero, per prima cosa, non è un’accozzaglia di studentelli figli del papi con la Master Card, non vanno a bere lo spritz dopo la manifestazione. D’altra parte, non è neanche un’organizzazione terroristica, né tantomeno un esercito. Il Blocco Nero è un gruppo abbastanza eterogeneo di persone che si organizza per un’azione di protesta violenta. La maggior parte di essi è anarchica (da qui il colore “nero”), ma ce ne sono anche di sinistra e (perchè no?) di estrema destra. Si tratta prevalentemente di frange estreme dell’Antifaschistische Aktion e di altri gruppi estremisti. Quindi è poco frequente trovare lo studente del DAMS in libera uscita.

183342501-53a756c3-8456-485c-aeb6-a54d0c2026bf

Molti hanno dato dei “codardi” ai Blocs per essersi dileguati davanti alle cariche della polizia. I Blocs non sono stupidi, si tratta di gente perfettamente preparata ad azioni di guerriglia, non ci vuole un genio per capire che quando l’uomo con la pietra incontra l’uomo col manganello, l’uomo con la pietra è un uomo morto. Quindi, fatemi il favore, non venitemi a rompere i coglioni con i NoExpo che devono essere vietati per evitare il Blocco Nero. E ve lo dice uno contro i NoExpo.

E poi delle due, se ne scelga una: o sono i Blocs che si accaniscono contro l’Italia e quindi si scatenano solo quando vedono le pizze con la mozzarella, oppure i Blocs attaccano tutti i grandi eventi, solo che negli altri Stati le forze dell’ordine hanno un senso, al contrario del Bel Paese. A voi l’ardua scelta.

Annunci
1 commento
  1. F_Chiovo_Nail ha detto:

    La “Lotta Armata” ha fallito in Italia. La “Lotta Armata” però aveva un apparato ideologico dietro (sotto ed anche intorno) con l’unica differenza che non attaccava simboli, attaccava i creatori di simboli. Alla Scala, avrebbero avuto più successo, basta avere le palle, quelle vere, quelle fumanti, quelle che ti fanno fare una scelta (per quanto contraddittoria in certe situazioni e mal sfruttata fino alla fine): non basta scendere in piazza e fare casino. Il modello comportamentale dell’opinione pubblica è cambiato, la società ed anche il suo sistema di valori sono cambiati, bisogna farsene una ragione. Le Istituzioni vanno smantellate dall’interno, per ripulirle, basta avere le palle, quelle vere quelle fumanti, quelle che ti fanno fare una scelta e ti fanno tentare l’impossibile pur di riuscire nel perseguire la linea politica, ideologica, valoriale che ci sta dietro. Non ho visto nessuna linea ideologica, non ho visto nessun contatto con il linguaggio. Se la società è fondata sulla paura (basta girarci intorno, è così) non è con la paura che la si cambia, perchè la paura attiva solo un pensiero, solo un sentimento, solo un istinto: sopravvivere. Vale per il blocco nero, vale per i cittadini che di fronte a queste scene non appoggiano più chi semina il terrore facendolo vedere, appoggia chi fa finta di proteggerli e li terrorizza allo stesso tempo. Ci vuole cultura, ci vuole conoscenza, ci vuole comunicazione, ci vuole linguaggio (il più possibile vicino agli interlocutori desiderati: il popolo). I ben pensanti non esistono, esistono persone che di fronte ad un pericolo attivano l’istinto di sopravvivenza e si barricano in casa, al sicuro, davanti a canale5. Nessuno ha ancora imparato la lezione.

    Mi piace

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: