Californian Punk Hardcore

A volte – o meglio, la maggior parte delle volte – il genio musicale degli artisti non viene compreso dai propri contemporanei. Da questi ultimi viene deriso, schernito, messo all’angolo. Sono le generazioni successive a carpirne la scintilla e ad espandere quell’afflato di eternità in compiutezza. Chissà se anche Greg Ginn e Keith Morris ne sono consapevoli nella tiepida estate del 1978. I Black Flag – così si chiama il loro gruppo –  hanno appena cagato dolorosamente Nervous Breakdown, autoproducendolo con la loro SST Records. Ma di grana e fama neanche col binocolo, nonostante gli sforzi.

SST001_750x750

Hanno praticamente messo la bandierina su ogni lercia cittadina degli States, anche in quelle dove i redneck li accolgono con i fucili a pallettoni carichi. Zero soldi, un furgoncino, qualche alloggio di fortuna dove dormire, o al massimo in stazione o nel loro stesso veicolo. In ogni dannata locanda, in ogni sperduto paesino con qualche centinaia di anime, se vi trovate nell’America del Nord della fine degli anni 70, trovate i Black Flag.

Black-FlagNegli anni 80 viene assunto come frontman un fan, tale Henry Garfield, che sarà soprannominato Henry Rollins (puoi trovare qui parte della sua storia). Non si sa come, i Flag riescono a produrre l’LP Damaged, album che nessuno all’epoca capisce. Ma, come detto, il genio spesso non viene capito nell’immediato. E infatti, solo oggi i Black Flag sono all’unanimità visti come leggenda nella scena punk; questo grazie alla loro capacità di aver promosso la scena musicale auto-controllata, l’etica del “do it yourself”, la cultura del lavoro e della sperimentazione musicale.

s3727-the-descendents-everything-sucks-stickerTutto questo accade a Los Angeles (California), una delle città musicalmente più fertili del globo, patria di grandi avanguardie. Già, perchè nel 77 i britannici Damned suonano nella città degli angeli, lasciando il segno nel cuore di tanti giovanotti. Insieme ai Flag, nascono così numerosi altri gruppi: Social Distortion, Germs, Bad Religion, Minutemen, Adolescents e Descendents (questi ultimi due gruppi getteranno il seme del punk melodico, definito anche pop-punk). A qualche centinaio di miglia da L. A., a San Francisco, Jello Biafra fonda uno dei gruppi più dissacranti, graffianti e politicizzati della storia: i Dead Kennedys. Per spiegare i Kennedys non servono parole, basta il testo della prima traccia di Fresh Fruit For Rotting Vegetables.

La California della prima metà degli ’80 è un grande laboratorio musicale, dove tutti sono importanti ma nessuno è indispensabile. La musica cambia e si evolve di continuo, e già nel 1982 compaiono i “figli” del californian hardcore punk: i Suicidal Tendencies, dalla Contea di Orange, gettano le basi per un hardcore velocizzato, ovvero il crossover, che poi renderà famosi Madball ed Agnostic Front. Come succede spesso nel punk, una volta che i musicisti imparare a suonare, provano a cambiare sound, spesso perdendo quell’aurea di originalità e spontaneità che li ha resi celebri. Improvvisamente i Flag si cimentano con il metal, i Red Cross addirittura con il power pop. È in questo che scompare la prima ondata di punk californiano. Ci penseranno poi certi ragazzetti di San Francisco, qualche anno dopo, a riprendere il sound originario, unito alle sperimentazioni degli ultimi anni (quelle dei Flag non erano assolutamente male!). Nascono Operation Ivy (poi Rancid), NOFX, Green Day e Offspring. Nel frattempo, a San Francisco, James Hetfield mette sul giradischi un album dei Black Flag, per ascoltarlo insieme al batterista, Lars Ulrich. È l’alba dei Metallica e del thrash metal.

111874948hbJZrbfR9008315b

PS: Puoi trovare tanti approfondimenti sul punk californiano del docu-film The Decline of the Western Civilization e nel libro di Steven Blush American Punk Hardcore, edito in Italia da Shake Edizioni.

Annunci
1 commento

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: