Torino, la Black City

E’ rabbia che cova ma quando esplode vedrai
la mia città non l’hai fermata e non la fermerai mai
è cominciato con Maury, NextOne e Left Side
era Black City, Black City.
E’ rabbia che cova ma quando esplode vedrai
la mia città non l’hai fermata e non la fermerai mai
è ancora “Dritto dal cuore”, calore che brucia gli hi-fi
era Black City, ed è Black City.

Torino, capoluogo di regione del Piemonte, potrebbe apparire, al visitatore disattento, il classico centro medio-borghese come ce n’è tanti in Italia. Vita tranquilla, in settimana al lavoro in fabbrica e alla domenica allo Stadio a tifare la squadra di calcio del padrone.
Primo motore (a livello cronologico) italiano e prima capitale della Penisola (dal 1861 al 1864), Torino possiede delle radici underground nascoste.

TOR1_1_Torino

Monumento_caduti_Frejus_TorinoSecondo la leggenda, la città sabauda sarebbe uno dei vertici di due triangoli: uno della magia bianca, con Praga e Lione, e uno della magia nera, con Londra e San Francisco. Non è un caso che Dario Argento abbia ambientato capolavori come Il gatto a nove code, Profondo Rosso e La Terza Madre proprio a Torino. Leggende narrano di cunicoli sotto il suolo della città, adibiti a far spostare i Savoia in incognito, e altre storie dicono che in Piazza Statuto, sotto la statua che i maligni vogliono di Lucifero, ci sarebbe la porta per l’Inferno.

Aggiungete pure che qui hanno vissuto Nostradamus, il sensitivo Gustavo Adolfo da Rol, l’esoterista Conte di Cagliostro, Paracelso, Lombroso e Nietzsche (mi scuso per aver messo il buon Friedrich insieme a quelli che per buona parte sono dei ciarlatani) e otterrete quella che è “la città più profonda, più enigmatica, più inquietante non d’Italia, ma del mondo” (cit. Giorgio De Chirico).

Torino è black, non solo per l’occultismo, ma anche per l’hip hop. Maurizio Cannavò, alias NextOne, si trasferisce dalla Sicilia al capoluogo sabaudo da piccolo, ed è qui che diventa campione di breakdance. Successivamente gira l’Italia in tour con Afrika Bambaata.

Photo of Afrika Bambaataa

NextOne impara dal vecchio americano il DJing, disciplina che non abbandonerà più. Nel ’91 Cannavò si trasferisce a NY per seguire il suo mentore, ma intanto Torino, grazie soprattutto a lui, è diventata black, ed ha già la sua Posse: i Devastin’ Posse. Nel 1994 esce “Dritto al Cuore”, dove NextOne, insieme a Maury B e Left Side donano all’eternità l’album simbolo dell’hip hop torinese. Proprio Left Side, dopo alcuni lavori in Piemonte, si trasferisce a Bologna per aiutare certo Giovanni Pinellino in un lavoretto da niente: Neffa e i messaggeri della dopa”. Ma questa è un’altra storia, che già qui vi raccontammo.

A metà decennio spuntano come funghi le nuove leve: se Frankie Hi-NRG comincia con i testi più “impegnati”, ci pensano Alta Tensione Produzioni Clandestine (meglio conosciuti come ATPC) a riportare il rap alla base underground-hardcore.

Dalla Next Level Crew, la crew di NextOne, sboccia gente che ci sa fare discretamente con i piatti, su tutti Masta5 e Dj Double S.

maxresdefault

A fine ’90, alla fine del decennio d’oro del rap torinese ed italiano in generale, si formano gli Onemic, ciò il trio di MC Ensi, Rayden e Raige. Faranno in tempo, nel 2005, a far uscire un disco dal sapore antico, che puzza di scantinati, di mixtape, di dischi in cantina, quasi di tributo alle persone che hanno reso Torino quel che era, e che – ahinoi – stava cominciando a non essere più.

Il disco si chiama Sotto la Cintura, e il titolo della canzone principale dell’album neanche ve lo dico.

Annunci

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: