Papa Ciccio e (il)legittima difesa.

blogdicultura_45387521f056035dda43b52f27f011341-640x435

«Se il dottor Gasbarri, che è un amico, dice una parolaccia contro la mia mamma, lo aspetta un pugno. Ma è normale! Non si può provocare, non si può insultare la fede degli altri. Non si può prendere in giro la fede.»

Le parole del Papa, in relazione all’attentato sanguinario alla redazione di Charlie Hebdo, sono state tremende. E proferirle con un accento buffo e una faccia gioviale non ne smorza certo l’orrore. Da un pugno ad un kalashnikov il passo è più breve di quanto si pensi. Semanticamente parlando una risposta violenta è e rimane “violenza”. I capi di ogni religione devono capire che, tenendo conto dell’ovvia libertà di culto, sono loro la parte “sbagliata” del mondo, sono loro che devono adattarsi al mondo laico, liberale, culturalmente sano, e non il contrario. Fino a che ciò non avverrà: sarà il medioevo della ragione.

Annunci

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: