Dietro le quinte de “Il cacciatore di anatre”: Anna si racconta

A quattro anni dalla sua produzione e dopo aver vinto svariati premi in giro per il mondo, Il cacciatore di anatre, girato nella Bassa Modenese, sotto l’attenta regia di Egidio Veronesi, è pronto per il suo ingresso nelle sale cinematografiche. Anna, che nel 2010 ha esordito come attrice, oggi è ormai una donna, ed ha voluto spolverare volentieri i suoi ricordi legati alla piccola Alice.

Se ti dico “Il cacciatore di anatre”, a cosa lo associ?
Ricordo quanto il cuore mi batteva forte, il giorno in cui misi piede in quella stanza piena di ragazze presentatesi per il ruolo di Alice. Ricordo con quanta ansia mista ad euforia mi presentai a Egidio, il regista…ma soprattutto ricordo l’entusiasmo che è esploso dentro di me come una bomba, quando mia madre, chiamandomi dalla cucina, disse “Anna, c’è una chiamata per te” e seppi che da quel momento sarei diventata proprio io Alice!

imagesCome sei arrivata ad essere Alice?
Il percorso nell’immedesimazione è stato graduale, ma molto intenso. Il tutto è diventato molto spontaneo grazie agli attori che mi circondavano, grazie ai costumi e soprattutto grazie all’atmosfera che il regista era riuscito con maestria a riprodurre.

A cosa pensi sia dovuto il successo che il film ha avuto fin ora all’estero?
Penso che Egidio Veronesi sia stato un vero e proprio maestro nel valorizzare ogni particolare dell’ epoca che ha inserito nelle riprese. E questo non può non colpire. È un film estremamente reale, penso sia questo ciò che ha affascinato di più i paesi esteri. I luoghi, la luce, l’atmosfera, le persone. Ogni cosa trascina brutalmente chi guarda dentro agli anni della guerra. Con tutto ció che questo comporta!

Il tuo è un personaggio piuttosto silenzioso, non è vero?
Non definirei Alice affatto silenziosa, ma più che altro “essenziale”. È una bambina, ma come tutti i bambini che vivono in tempi di guerra, ne ha solo l’aspetto. I comportamenti, gli sguardi e i silenzi di Alice tradiscono una maturità forzata, nata per esigenza. Alice pensa di non rivedere più il padre, quando egli si allontana su quel furgone diretto in guerra, ma non può immaginare che quando invece suo padre tornerà, non si potrà nemmeno permettere di essere felice, perché sarà lei a dovergli riferire la morte della madre. La realtà, brutale e crudele, la spiazza facendola crescere.

2e79ce72805047028e81a0745e02c9d9

Un aneddoto che ti fa ancora sorridere?
Ricordo durante le riprese di una scena, che non avrebbe avuto il sonoro, in cui io e Mario camminavamo mano nella mano in un viale alberato, al tramonto. Ci dissero di essere il più spontanei possibile, così iniziammo a parlare delle cose più varie. Fu molto divertente scherzare liberamente davanti alla videocamera. Mi piace pensare che, anche se non si sentono, quelle risate e quegli aneddoti che fanno parte di noi come Anna e Federico, e non come Alice e Mario rimarranno nella pellicola per sempre.

Che cosa ha significato per te poter essere Alice?
Arrivare ad essere una vera attrice, in un vero film è stato un sogno divenuto realtà. Sin dalla prima recita, svolta alle elementari, la passione per il teatro si era insinuata dentro di me. Per quanto il teatro e il cinema differiscano in modo radicale, essere Alice è stata un’esperienza che spero mi farà varcare altre porte nel mondo del cinema, ma che in ogni caso ha alimentato quella scintilla di passione per la recitazione che sarà sempre gran parte di me, e che spero un giorno diventi un enorme fuoco.

il cacciatore di anatre - film attori (5)

 

Annunci

Dì la tua!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: